venerdì 30 gennaio 2009

Kaizen e BPM

Kaizen è un termine giapponese che indica la metodologia di miglioramento continuo, passo a passo. Le tecniche Kaizen sono utilizzate per eliminare sprechi e ottenere piccoli miglioramenti incrementali che alla fine producono risultati significativi.

L'approccio kaizen lavora perfettamente con l'approccio di cicli di sviluppo incrementali che sono alla base delle metodologie utilizzate in ambienti BPM.

Leggete qui la definizione in Wikipedia.

Leggete qui un articolo al riguardo, scritto da Bob Tame, senior program manager in Lombardi, qui il suo blog.

Ricordate che per utilizzare la meglio queste tecniche occorre che il BPMS utilizzato permetta al meglio la funzionalità di "playback" (perfettamente implementata in Teamworks).

giovedì 29 gennaio 2009

Teamworks anche in Egitto

El Araby Group in Egitto è diventato cliente di Lombardi!!!

Si tratta della prima vendita di Teamworks in un paese arabo. Congratulazioni al partner locale ValleySoft!!!

La prima applicazione è nell'area della gestione del personale.

Per leggere il comunicato stampa cliccate qui .

mercoledì 28 gennaio 2009

Senza visibilità si rischia grosso

Uno scritto di Phil Gilbert apparso su CIO magazine sull'argomento sta creando un ampio dibattito.

Nell'articolo Phil dice:
"Without visibility to crucial data, CEOs of the world's largest companies run houses of cards, built on risk
e analizzando i tre più grossi produttori di auto in US le loro difficoltà sostiene

"One of the three (Ford) is in demonstrably better shape than the other two, and it's no mystery why".

Qui per leggere l'articolo completo; qui e qui per leggere alcuni commenti.

BPM: efficienza e agilità

Tata Consulting Services ha pubblicato un interessante documento sul BPM dal punto di vista del bilanciamento tra efficienza dei processi e agilità di business.

Cliccate qui per scaricarlo.

martedì 27 gennaio 2009

Sull'importanza del POC

Mike Kavis a pubblicato sul sito di BPM institute un bell'articolo con consigli su come scegliere un BPMS.

Riporto il paragrafo relativo al POC:

""....After all of this analysis, your vendor list will hopefully get down to two or three players. Now comes the most critical point of the vendor evaluation: the proof of concept! I recommend a one day on-site POC for each finalist. Give each vendor a week to prepare but not much more. Create a scenario that would be a stretch to complete in a day. Give them a set of use cases to be modeled and require them to integrate with a few of your test services to display some of your data in the POC. Make them start from scratch while you watch. This is the point where the Power Point magic ends and the truth is told. .....""""

Per leggere l'articolo completo cliccate qui.

lunedì 26 gennaio 2009

Analisi comparativa tra 7 BPMS

La società di consulenza inglese mwd advisor (macehiter-ward-dutton), specializzata nell'area dell IT Business allignment, ha pubblicato un'analisi comparativa di sette BPMS:
Lombardi, IBM, Oracle, Pegasystem, Appian, Software Ag e TIBCO.

Il risultato è molto positivo per Lombardi: su 15 punti di analisi riceve 8 verystrong e 7 strong.

Per leggere il report completo cliccate qui (bisogna registrasi, ma il download è gratuito)

venerdì 23 gennaio 2009

Blueprint: una valutazione indipendente

Sul sito del BPM institute, Karen Tricomi, Systems Engineer, Enterprise Methods & Processes, e affermata consulente ha scritto una bella descrizione di Blueprint.
Ecco riportato integralmente l'articolo:

"""Companies are right to be cautious about employing software to solve process problems. Automating a broken process simply serves to make it more efficiently broken. However, documenting processes is the first – and in my opinion, the most important – step in the improvement cycle. When Lombardi recently offered to demonstrate Blueprint, their web-based documentation and collaboration product, I approached the demonstration as a business professional with processes that need improvement, rather than an IT analyst or industry expert. Criteria for evaluation were ease of use, a short learning curve, and good collaboration features.

Ease of Use

Anyone who works with PowerPoint, Word, or Visio will find Blueprint intuitive. Input process steps in visual or text format in one of four views: process map - a high-level visualization, used as a quick process overview; workflow diagram – a swimlane view, including exception and execution detail; documentation – details in Word format; analysis - used to spot
opportunities. Each view automatically updates the others.

Short Learning Curve

The mechanics are simple to understand. People have different ways of expressing what they do and how they do it, so a choice of visual or text input fosters collaboration. A drag and drop capability allows for movement to a different milestone or swimlane. Business users not familiar with process modeling conventions need not concern themselves with anything except describing the process steps as they know them, and drafts are easy to modify.

Collaboration Friendly

Multiple users can view a process simultaneously, and see updates as they happen. The process owner accepts or rejects changes, or reverts to a previous version. Version control is automatic whenever a user saves a process change. This ensures change control and audit trails. An Instant Messaging (IM) feature allows for on-line conversations during collaboration. Blueprint has all the advantages of a sticky-note session with none of the transcribing.

How To

Starting at a high level, enter process “milestones”, a term intended to imply a broad-brush look at the process at the enterprise level. As with other levels, type these in an outline level, or use drag and drop icons – whichever is more comfortable for the user. Milestones do not have owners as process steps do, but there is a place for a process owner.
Each of the milestones then opens to allow creation of unlimited levels of sub steps. At any level, the program allows the entry of the process step participants, owner, subject matter experts, inputs, outputs, and known problems.


Impact Analysis: Known problems in a process step – e.g., a seasonal bottleneck or parts not being available – are described, then given severity (high, medium, low) and frequency (high, medium, low) ratings. The analysis view presents these issues in a list with impact scores. This view makes it easy to see which processes need quick attention.
Embedded Documentation: Each step has a page for related documentation. The process documentation steps can contain direct links to training aides, escalation lists, or instructions on how to handle exceptions – anything that the business finds useful.
Documentation View: This provides a comprehensive view of process details. The owners, inputs, outputs, problems, and impact scores all appear in a single list. This view is exportable to a variety of programs, including Lombardi’s BPM suite, Teamworks.
Projects: Blueprint’s concept wraps one or more processes into projects. These projects carry a high-level description, budget, owner, charter, scope, and goals. The user assigns a weight to each goal. This ensures that processes are consistent with the company’s strategic direction. All information is exportable to PowerPoint, making presentations on the current state of the business easy.
Reusable Elements: It is simple to copy processes, or create a library of common process steps – approvals, budget cycles, etc – for use in future processes.

The Specs

Lombardi hosts Blueprint on secure servers, available only as Software-as-a-Service (SaaS). It is exportable to Lombardi’s process execution application Teamworks using Business Process Definition Metamodel (BPDM), the OMG standard. Each user pays a $50/month subscription fee. Subscription is instant. A free 30-day trial is available for the unlimited version, or a free subscription with limited capabilities can get you started. Lombardi updates this package every 5-6 weeks, based on user feedback, so not having it installed on site is an advantage for those that want new features deployed quickly and without overhead.

My Take
Overall, business users will find the application intuitive, easy to use, and helpful. For those still using an unstructured graphical program, or trying to describe their processes in text form, this tool has advantages over both. Depending on the number of users in the organization, cost might prove to be a barrier; however, factoring in productivity gains and licenses for alternate documentation tools, companies trying to get a handle on their process will find this tool worth the price."""""

Qui il link all'articolo pubblicato su BPM institute

giovedì 22 gennaio 2009

I vantaggi "verdi" del BPM

Una delle aree che sembra maggiormente interessare oggi l' IT è va sotto la definizione di "green IT".
Bene Laura Mooney, su Knowledge Center, ha pubblicato un interessante articolo dove dimostra quali vantaggi si possono ottenere utilizzando tecniche BPM con orientamento ecologico.

Ne ho trovato una traduzione in italiano su eWeek; lo potete leggere qui

Qui la versione originale in inglese.

Nel testo si parla ovviamente di ridurre il consumo di toner e di carta: qui potete scaricare un interessante documento che parla della carta e di tutti gli aspetti produttivi e ecologici connessi.

mercoledì 21 gennaio 2009

L'esercizo della palla da tennis

Interessante esercizio per dimostare come il lavoro di gruppo possa permettere di migliorare un processo.

Qui il link alla descrizione completa

martedì 20 gennaio 2009

Lombardi: company to watch

ScreenShot014 La rivista Intelligent Enterprise ha segnalato Lombardi Software come una delle aziende da tenere sotto controllo.

Ecco cosa hanno scritto su Lombardi:

Lombardi Software. Business process management systems knit together the people and systems involved in end-to-end processes. Lombardi Teamworks shines in both styles of integration, but human-centric workflow and event and exception management are its strong suits. Lombardi always seems to be on our short list for BPM.

Qui per l'articolo completo

giovedì 15 gennaio 2009

Esperienze BPM in ambito assicurativo

Si è tenuta oggi una webconference su come ha fatto una Assicurazione Americana ( West Bend Mutual Insurance) a sviluppare nuovi tipi di business utilizzando un approccio BPM.

Sandy Kemsley ha partecipato alla conferenza e ne ha scritto sul suo blog: qui

Qui il link al sito della conferenza che sarà disponibile in playback.

Stacey Kenny ha avuto anche una chiaccherata con George Barton (direttore sviluppo di Blueprint in Lombardi Software) che ha messo in linea nel suo blog la registrazione. La potete sentire o scaricare qui.

martedì 13 gennaio 2009

BPM news 5

E' disponibile il nuovo numero (il numero 5) del nostro bollettino.
Lo potete leggere qui nella colonna di sinistra.

Vi ricordo che se volete riceverlo come mail basta registarsi.

venerdì 9 gennaio 2009

Un corso di BPMN in 10 minuti

Sul sito DiveintoBPM ho trovato un semplicissimo corso sul BPNM con la presentazione degli operatori base (events, swimlanes, gateways, connectors, activities).

Qui il link

giovedì 8 gennaio 2009

Come migliorare il processo dei rimborsi assicurativi

Il 15 gennaio potrete seguire un webinar dedicato a come un assicurazione ha migliorato il proprio processo di gestione dei rimborsi utilizzando tecnologie BPM.

Lo speaker sarà Javier Cajiga , Director of IT - Crowe Paradis.

Qui il link per iscriversi

lunedì 5 gennaio 2009

Nuova versione di Blueprint

Il 20 dicembre è stata rilasciata una nuova versione di Blueprint.
La novità più grande è la possibilità di memorizzare e condividere, assieme al modello del processo, anche file di qualsiasi tipo. Quindi ora è possibile fare upload/download di qualsiaisi file sia utile per la documentazione del processo.
Per una presentazione e un video di demo potete cliccare qui.

Un'altra tesi sul BPM

Di ritorno dopo la pausa natalizia, all'inizio di un nuovo anno che si preannuncia difficile, è con grande piacere che vi segnalo che presso Univeristà degli studi di Bari, Facoltà di Scienze Matematiche, Corso di laurea in Informatica è stata discussa una tesi sul BPM.

La tesi presentata da Michele Filannino ha come titolo "ORCHESTRAZIONE DI RISORSE UMANE NEL BPM"

Il testo completo della tesi lo potete trovare qui.

La tesi è stata svolta con la collaborazione di una azienda italiana produttrice di una piattaforma di BPM. Anche se nostra concorrente mi fa piacere segnalarla: Openwork di bari.

Congratulazioni al nuovo dottore e auguri per una bella carriera improntata al BPM e speriamo che molti altri seguano questa strada.


Questo blog non è una testata editoriale perciò non viola gli obblighi previsti dall'articolo 5 della legge n.47 del 1948 in quanto diffonde informazioni con periodicità occasionale. Il presente blog risulta conforme alla vigente normativa sulla editoria (legge n. 62 del 7 marzo 2001) non trattandosi di pubblicazione avente carattere di periodicità.